Componenti dell’impianto I-GPL

Il serbatoio
La sicurezza è uno degli aspetti fondamentali di un impianto BRN Bernardini: per questo la scelta dei serbatoi (foto 1) ricade sempre su prodotti di ottima e certificata qualità. L’ancoraggio (foto 2) viene progettato e calcolato volta per volta realizzandolo con funi saldamente fissate alle pareti della cassaforma, mai alle selle. A seconda delle esigenze di progetto, i serbatoi vengono installati in cassaforma di cemento o tumulati (foto 3), sia interrati che fuoriterra. Gli accessori del serbatoio sono della massima qualità e precisione: l’indicatore di livello (foto 4) è in cm con precisione 2 mm, mentre il manometro e il termometro installati (foto 5) sono di grande diametro.

Lo spurgo del serbatoio
Lo spurgo viene realizzato con una valvola pneumatica sul serbatoio comandata dall’esterno e doppie valvole finali con “uomo morto” all’esterno. La sicurezza realizzata è tipica quella dei depositi. (foto 6foto 7)

Le valvole di sicurezza
Sono valvole di tipo Rego dal diametro di 1”1/2, su cassetto antigrippaggio con scarico in candela esterno zincato a caldo. Montano inoltre il cappellotto terminale per la protezione dalla pioggia. (foto 8foto 9)

Il valvolame
L’impianto I-GPL-BRD prevede tutta la componentistica di sicurezza progettata specificamente, come gli eccessi di flusso e le valvole di ritegno. Sono tutti elementi certificati PED, con passaggi calcolati a bassissime perdite di carico e gli interni con parti in movimento realizzati esclusivamente in inox e bronzo.\r\nLe valvole di intercettazione sono di tipo “Fire-Safe”, con il corpo zincato e con la sfera in inox, posizionata in modo da non sporgere dal profilo della valvola. L’ulteriore accorgimento costruttivo in due corpi le rende facilmente revisionabili in ogni momento. (foto 10foto 11)

Il punto travaso
L’impianto I-GPL-BRD prevede punti travaso standard dotati già di manichette e accessori o attacco Todo, a seconda delle esigenze del cliente. Ogni punto travaso è dotato di filtro, eccessi di flusso, indicatori di flusso e su richiesta il vaso di espansione certificato PED per la salvaguardia della manichetta contro lo scoppio. Opzionale viene montato un apposito sportello sulla recinzione per consentire l’accesso alle valvole del punto travaso. La pinza di messa a terra asservita all’autobotte e la spina di interconnessione del sistema di emergenza impianto con il sistema dell’autobotte sono accessori della migliore qualità disponibile sul mercato.

Tutti gli attacchi terminali delle manichette sono dotati di eccesso di flusso a bassa perdita di carico e di attacchi rapidi in bronzo antiscintilla di tipo Weco. Inoltre l’intercettazione con blocco in chiusura è realizzato con valvole inox Aisi 316, per garantire una lunga durata in esterno o in installazioni vicino al mare. (foto 12foto 13)

La colonnina e le tubazioni di raccordo
Sulla base delle specifiche richieste del committente, può essere montato qualunque tipo di colonnina erogatrice. BRN garantisce l’assoluta sicurezza dell’installazione con l’ancoraggio a terra dell’antistrappo al fine di evitare pericolosi incidenti dovuti all’accidentale partenza delle auto. A garanzia di un lavoro perfetto, le tubazioni vengono sempre realizzate incamiciate con controtubo e portate fino all’esterno. Le valvole del pozzetto, incluso quelle della prova metrica, sono tutte flangiate, inoltre gli sfiati degli attuatori sono convogliati in un’area sopraelevata contro gli allagamenti del pozzetto.(foto 14foto 15)

L’impianto elettropneumatico
La BRN cura in prima persona la realizzazione degli impianti elettrici delle proprie stazioni di rifornimento: le tecnologie applicate e i quadri elettrici sono sempre all’avanguardia, e sono facilmente accessibili grazie all’anta unica per l’esterno e per l’interno. Il compressore installato è a basso numero di giri, con il corpo in ghisa a garanzia di alta qualità e durata nel tempo.

Le attrezzature pneumatiche utilizzate sono di primaria marca tra cui Parker e SMC, a garanzia della massima durata nel tempo. A protezione dell’impianto pneumatico si installa un filtro, completo di un sofisticato scaricatore automatico di condensa a galleggiante, inoltre si monta nel quadro un manometro con segnalatore di mancanza dell’aria compressa. Tutti i comandi delle valvole pneumatiche sono centralizzati e raggruppati su un unico pannello, montato vicino al travaso; anche le valvole per l’isolamento della pompa sono dotate di intercettazione pneumatica a sicurezza attiva.

Ogni aspetto viene curato nei minimi dettagli per garantire la qualità e la sicurezza. (foto 16foto 17)

La copertura della cassaforma
La BRN realizza su richiesta la copertura del serbatoio, utilizzando Orsogrill e accessori completamente zincati a caldo anche colorati su richiesta. La porta è dotata di maniglione antipanico interno e di cerniere con perno inox, mentre per facilitare la manovra delle valvole del punto travaso si può montare uno sportello dedicato. (foto 18foto 19) Il fascione e la grondaia, opzionali e su richiesta, completano la copertura portando lo standard ai migliori livelli di qualità del mercato.

Gli altri accessori in dotazione
Sono sempre compresi nella fornitura i seguenti accessori:

• due lampade portatili di emergenza in esecuzione antideflagrante;
• un esplosimetro portatile, della migliore qualità disponibile. (foto 20)

La cartellonistica
Ogni parte dell’impianto I-BRN-GPL è dotata di chiare indicazioni per il corretto esercizio e per la gestione delle emergenze, dal tabellone sul punto travaso alle segnalazioni sullo spurgo, dalle indicazioni sulla zona colonnina alla numerazione delle valvole, fino a tutto quanto possa essere necessario per fornire le giuste indicazioni e avvertenze. (foto 21)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi